COS’E’ VILLA ARZILLA?

VILLA ARZILLA

Si tratta della simulazione di una abitazione per quattro anziani che senza la necessità di una struttura organizzata siano in grado, attraverso i dispositivi ideati dagli studenti, di vivere in semi-autonomia. Si presuppone che l’età degli anziani sia tra i 70 e gli 80 anni e che questi abbiano un minimo di dimestichezza con i telecomandi.

La villetta quindi sarebbe domotizzata e gli anziani avrebbero l’aiuto di robot quali Nao e/o robot meno elaborati per comandare i dispositivi, accedere agli oggetti di uso comune, raccogliere piccoli oggetti, essere collegati con il mondo esterno attraverso un google assistant, coltivare un piccolo orto attraverso sensori o bot di telegram e nello stesso tempo ricrearsi con giochi di vario tipo gestiti dai robot, fare movimento insieme a loro, avere informazioni meteo collegandosi direttamente con le stazioni meteorologiche che hanno sede negli aeroporti di tutto il mondo.

La presenza di un “armadio intelligente” consente loro di avere i medicinali alle ore prefissate e di avvisare il nipote, attraverso sms, in caso di rifiuto reiterato.

La sorveglianza con droni e il collegamento con un nipote da remoto completerebbe la gestione globale.

Lo “scenario” è piuttosto complesso e necessita di molta attrezzatura: dal carrello dispenser di medicine e oggetti al carrellino trasporta oggetti di prima necessità (occhiali, libro telecomando, cordless), dalla fioriera al pannello che simula l’appartamento domotizzato fino ai robot e i droni.

L’ideale esibizione del Progetto richiederebbe due stand vicini in cui riprodurre due stanze della villetta completamente attrezzate e funzionanti nonché comunicanti tra loro. Per esempio in uno stand simuli il soggiorno dove l’anziano vive e nell’altro simuli il giardinetto dove l’anziano si può recare a giocare o ricrearsi (leggere un libro sotto l’ombrellone, dipingere, ecc…)

https://nonsidivideperzero.blogspot.com/

Precedente VILLA ARZILLA Successivo MODENA MUSEO ENZO FERRARI